Elisa Guida, Senza perdere la dignità

Senza perdere la dignità

Elisa Guida

 

Un libro fortemente voluto da Piero Terracina, che lo ha seguito fino all’ultimo.

In questo libro, l’autrice ricostruisce con rigore storico la storia di tutta la famiglia, non solo quella del protagonista.

L’opera si è avvalsa di un assegno di ricerca dell’Università degli Studi della Tuscia (Dipartimento di studi linguistico-letterari, storico-filosofici e giuridici, DISTU), cofinanziato dall’Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti (ANED), con contributi di Progetto Memoria, dell’Associazione Daniela Di Castro, dell’Associazione umanitaria Semi di Pace Onlus, della Comunità Ebraica di Roma.

 

Leggi di più>>

Michele Sarfatti, Il cielo sereno e l’ombra della Shoah

Il cielo sereno e l’ombra della Shoah

Michele Sarfatti


Otto stereotipi sulla persecuzione antiebraica nell’Italia fascista

Leggi di più>>

Franca Tagliacozzo e Bice Migliau, Gli Ebrei nella Storia e nella società contemporanea, Odoya, 2020

Gli Ebrei nella Storia e nella società contemporanea

Franca Tagliacozzo e Bice Migliau

Prefazione: Noemi Di Segni
Contributi di Piero Di Nepi e Raffaella Di Castro

Leggi di più>>

 Massimo Giuliani, Le Terze Tavole. La Shoah alla luce del Sinai, EDB, 2019.

Massimo Giuliani

Leggi di più>>

___________

Gadi Luzzatto Voghera, Antisemitismo, Editrice Bibliografica, 2018

Gadi Luzzatto Voghera, Antisemitismo, Editrice Bibliografica, 2018

Gadi Luzzatto Voghera

Fonte: Moked.it

 Comprendere il pregiudizio

Sono numerosi i centri di studio, i dipartimenti universitari e le riviste specializzate che si occupano da molti decenni dell’antisemitismo. Condannato ripetutamente vuoi come una piaga, vuoi come una malattia dell’età moderna, questo fenomeno ha sempre più assunto agli occhi degli osservatori le caratteristiche di una dinamica sociale e politica complessa, persistente e cangiante nel tempo, capace di radicarsi in luoghi e contesti nei quali sembrano mancare i presupposti stessi della sua presenza (laddove, ad esempio, si registra l’assenza di una comunità ebraica). Ci troviamo di fronte a un intreccio di linguaggi, forme espressive, esperienze storiche che meritano di essere studiati in maniera attenta e attualizzati nell’elaborazione di strumenti giuridici e politici utili a riconoscerlo e a combatterlo.

Leggi di più>>

Nuova edizione aggiornata di Michele Sarfatti Gli ebrei nell ’Italia Fascista. Vicende, identità, persecuzione, Einaudi, 2018

Copertina del libro Gli ebrei nell’Italia fascista di Michele Sarfatti

Michele Sarfatti

Gli ebrei che negli anni del Risorgimento si erano «fatti italiani» più rapidamente dei loro concittadini, negli anni del fascismo videro le loro identità e le loro vite progressivamente limitate, sopraffatte, annientate. Essi erano docenti universitari e merciai ambulanti, osservanti e laici, italiani sin da Roma antica e stranieri, sionisti e nazionalisti italiani, fascisti e comunisti; unica fu invece la persecuzione antisemita a impostazione razzista che li colpì.

Leggi di più>>

Liliana Picciotto, Salvarsi. Gli ebrei d’Italia sfuggiti alla Shoah 1943-1945. Una ricerca della Fondazione CDEC, sugli ebrei scampati alle deportazioni

Liliana Picciotto

Le toccanti storie e testimonianze sugli ebrei, italiani e no, che riuscirono a salvarsi dalla Shoah in Italia, da soli o con l’aiuto e il soccorso di altri.

Gli ebrei sfuggiti alla Shoah in Italia furono piú dell’ottantuno per cento. Questo volume presenta i risultati del progetto «Memoria della salvezza» del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC), volto a riflettere su come essi abbiano potuto salvarsi malgrado le ricerche, gli arresti, le deportazioni, da parte delle autorità fasciste e naziste.

Leggi di più>>

Elisa Guida, La strada di casa. Il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah

La strada di casa

Elisa Guida

Che cosa è accaduto ai superstiti italiani dei campi di sterminio? Chi si occupò di loro e che cosa significò tornare a casa dopo essere sopravvissuti all’esperienza più drammatica del Novecento? La storica Elisa Guida cerca di rispondere a questi interrogativi. Il volume, frutto di ampie ricerche, si è avvalso di un assegno di ricerca dell’Università degli Studi della Tuscia (Dipartimento di studi linguistico-letterari, storico-filosofici e giuridici – DISTU) cofinanziato dall’ANED e da Progetto Memoria.

Leggi di più>>